GELICIDIO IN ATTO sulla LIGURIA: ecco le aree dove si sta verificando il fenomeno della "pioggia congelantesi"

GELICIDIO a Creto (ph. Arpal)GELICIDIO a Creto (ph. Arpal)

L'ondata di maltempo che sta giungendo in questa ore sulla Liguria ha favorito l'arrivo di qualche nevicata ma il rischio più imminente è quello relativo al fenomeno della "pioggia che gela al suolo".

L'aria mite in quota infatti è rapidamente sopraggiunta in Liguria alle quota medio-alte, incastrando letteralmente l'aria fredda presente al suolo lungo i fondovalli del Savonese e Genovese. Dove la temperature in quota persistono attorno alla soglia degli zero gradi, ecco che ci troveremo davanti ad una bella nevicata come sta accadendo questa mattinata tra la Valbormida ed il Sassellese, con accumuli fino a 10-15cm in alcune località.

Gelicidio in atto anche sui i versanti marittimi dei rilievi nell'entroterra di Albenga e Loano con la pioggia che cade anche in vetta al monte Carmo (1389 mt, il più alto della provincia di Savona).

Il fenomeno della pioggia congelantesi è già in atto da questa notte nelle valli interne del levante ligure e da questa mattina anche nell'entroterra di Genova in Valbisagno. Piove fino in vetta a 1750 metri in Appennino con temperature di +3°C ai 1300m di Rocca d'Aveto. Praticamente la stessa temperature che ritroviamo questa mattina in piazza Principe a Genova ed alla Foce.

Tra le valli Scrivia, Trebbia ed Aveto nelle prossime ore si presenterà il fenomeno delle pioggia che gela al suolo, con un forte rischio per la viabilità. Continuerà invece a nevicare tra la bassa val Bormida ed il Sassellese almeno fino al primo pomeriggio, ma poi il "pericolo del gelicidio" sarà imminente anche su questa zone.

CHE COS'E' IL GELICIDIO o PIOGGIA CONGELANTESI? Il gelicidio è un fenomeno che si verifica quando la pioggia, o la pioviggine, che rimane in forma liquida anche quando la temperatura superficiale delle gocce o goccioline è inferiore a 0 °C, si solidifica istantaneamente a contatto con il suolo formando uno strato di ghiaccio trasparente e molto scivoloso. La causa di questo è da attribuirsi al fenomeno della sopraffusione.

Il fenomeno accade quando a livello del suolo è presente uno strato di aria fredda, con temperatura inferiore a 0 °C, mentre sopra c'è uno strato d'aria più calda che consente la fusione completa della neve che cade dalle nubi (il gelicidio non si forma quasi mai da nubi calde, cioè da nubi da cui l'acqua precipita allo stato liquido). Le gocce si raffreddano a una temperatura superficiale inferiore a 0 °C. Quando le gocce vengono a contatto con una superficie congelano all'istante, formando uno strato di ghiaccio trasparente, omogeneo, liscio e molto scivoloso, racchiudendo i rami degli alberi, gli arbusti, gli steli dell'erba e i fili elettrici all'interno di un involucro assai duro di acqua cristallizzata e trasparente. Il deposito di ghiaccio che si forma sugli oggetti è detto spesso vetrone o popolarmente vetriore, una forma particolare di ghiaccio vitreo.


Aggiornamenti 01-02-2019 La Redazione di Meteo Riviera

Meteo stazione a Verzi di Loano - Savona

Top clic

Piccole scosse di terremoto sul Mar Ligure, la più intensa magnitudo 1.7 Richter

Nelle ultime ore si sono registrate due deboli scosse di terremoto sul mar Ligure: la prima, la più debole, poche miglia al largo di Loano (SV) con una magnitudo di 1.1 alle ore 6:54 di questa mattina. La...