La "PRIMAVERA ANTICIPATA" ci lascerà a SAN VALENTINO: tornano il freddo e la neve dopo metà Febbraio

Gli ultimi aggiornamenti dei modelli previsionali (GFS e ECMWF) confermano un deciso cambiamento del tempo dopo SAN VALENTINO con la possibile migrazione dell'anticiclone verso il Nord Europa lasciando così spazio a nuove irruzioni di aria fredda dirette verso l'Italia ed il Mediterraneo.

Dopo il debole peggioramento meteo previsto attorno al 10-11 Febbraio che porterà qualche pioggia e qualche nevicata sulle Alpi (ma solo quote di montagna), l'anticiclone potrebbe subire il colpo tentando un allungamento verso le alte latitudini.

Proprio in vista del 14-15 Febbraio, le prime irruzioni di aria fredda dovrebbero raggiungere le nostre latitudini riportando un clima decisamente più invernale con il ritorno della neve fino a quote basse. Inizialmente l'aria fredda potrebbe puntare dritto verso l'area balcanica con l'interessamento delle nostre regioni del versante adriatico (meno coinvolto il Nord Ovest e le regioni tirreniche in questa prima fase).

Nei giorni a seguire l'anticiclone si rafforzerà tra Russia e Scandinavia consolidandosi fino a valori di 1040hPa, favorendo così la possibilità di irruzioni di aria via via sempre più gelida ma di matrice continentale. Si tratterebbe in questo caso della prima irruzione gelida dell'inverno 2018-2019 in arrivo direttamente dalla steppa russa, con la tipica caratteristica dell'aria gelida "pellicolare".

CHE COS'E' L'ARIA GELIDA PELLICOLARE? L’aria polare continentale proviene dal continente Russo e si origina proprio dalle zone in cui è presente l’anticiclone termico russo.  Arriva in Italia quando la parte occidentale dell’anticiclone si allunga fino all’Europa centrale e ai Balcani. Sfonda i confini italiani attraverso le Alpi Carniche accompagnata da venti forti da est o nord-est. È la massa d’aria tipica dell’inverno russo con la caratteristica di essere gelida sia in quota sia al suolo durante la fase d'irruzione. L'ultima sua comparsa la ricordiamo nello scorso inverno durante il "BURIAN del 1 Marzo 2018"

Ma questo potrebbe essere solo l'inizio, in vista di nuove irruzioni di aria sempre più fredda entro la fine della seconda decade di Febbraio. L'inverno non è finito, e avrà ancora tanto da mostrare! Le possibilità di un'ondata di gelo "BURIAN" proveniente dalla steppa russa aumentano visibilmente con gli ultimi aggiornamenti proprio per le ultime due settimane di Febbraio.

Nell'immagine l'aggiornamento di GFS PARALLELO per il giorno di San Valentino 14 Febbraio.

Vi consigliamo di seguire tutti i prossimi aggiornamenti sul nostro sito www.meteorivieraligure.it


Aggiornamenti 07-02-2019 Mattia Giordano

Meteo stazione a Verzi di Loano - Savona

Top clic

Piccole scosse di terremoto sul Mar Ligure, la più intensa magnitudo 1.7 Richter

Nelle ultime ore si sono registrate due deboli scosse di terremoto sul mar Ligure: la prima, la più debole, poche miglia al largo di Loano (SV) con una magnitudo di 1.1 alle ore 6:54 di questa mattina. La...