Ridimensionato il peggioramento del 13-15 Febbraio, aumentano le possibilità di gelo dopo il giorno 20

In avvio di settimana giungerà un nuovo impulso perturbato ancora coadiuvato da aria fredda artica. Avremo un peggioramento prima al Nord e sulle regioni centrali. Sarà una nuova ghiotta occasione per nevicate fino a quote basse, localmente non escluse anche in pianura su parte della Val Padana e a bassa quota su alcune parti delle regioni centrali.

Rispetto agli aggiornamenti meteo dei giorni scorsi, la perturbazione non entrà in maniera ottimale e il rischio del "salto del Nord Ovest" resta comunque elevato: occasione per precipitazioni più probabili su Riviera di Levante, Toscana, Emilia Romagna ed ancor Lombardia orientale e Triveneto.

Dopo questa perturbazione, il meteo sembra poter parzialmente migliorare con temperature in rialzo. Giungeranno correnti più temperate occidentali. Il freddo allenterà un po' la morsa ed anche in Europa, perlomeno sulle nazioni occidentali dove si potrebbe avere un addolcimento termico, probabilmente solo temporaneo.

Dopo questa tregua, il meteo potrebbe assumere connotati di nuovo più invernali verso il 20 Febbraio o poco dopo. Per la terza decade di febbraio aumentano infatti le possibilità di nuove irruzioni fredde artiche verso il Mediterraneo e l'Italia.

Non solo aria artica, ma anche possibili irruzioni d'aria rigida continentale. Nell'ultima parte di febbraio non è escluso che arrivino anche ondate di gelo, le più intense dell'inverno.

 


Aggiornamenti 10-02-2018 Mattia Giordano

Meteo stazione a Verzi di Loano - Savona

Top clic

Incredibile "INVASIONE DI CIMICI" anche in Liguria, ecco alcune soluzioni per sconfiggerle

Negli ultimi giorni e settimane stiamo assistendo ad una vera e propria "invasione di cimici" nel nostro paese, in particolar modo nelle regioni del centro-nord...