Il terribile INVERNO 1989-1990: ricordando l’ANTICICLONE dei 100 GIORNI

MeteoRivieraPosted by 1 sett. fa

Sono passati 30 anni dalla lontana stagione del 1989-1990, quando l’Anticiclone continuò a dominare anche nei mesi di gennaio e febbraio (fatta eccezione per il periodo dal 10 al 17 febbraio), respingendo ogni volta gli attacchi del flusso oceanico. Tra le conseguenze di questa impostazione, l’aumento delle temperature su diverse zone del Sud Italia, la mancanza di pioggia e neve, l’abbassamento dei livelli dei corsi d’acqua e un’eccezionale siccità.

E neanche nel mese di marzo la situazione accennò a cambiare. Solo dalla metà di aprile, l’Anticiclone crollò sotto i colpi delle perturbazioni atlantiche che per mesi avevano viaggiato oltre la Manica, riportando le piogge in Italia. Una stagione che viene ancora ricordata come l’anno senza inverno.

Quello del 1989-1990 fu un inverno secco, senza neve sulle Alpi e senza pioggia sulle pianure con temperature oltre la norma soprattutto in montagna, sia nei valori massimi che in quelli minimi. Una situazione terribile non solo per gli amanti dell’inverno, ma anche per gli agricoltori e per tutti i cittadini, con smog, nebbie e foschie che durarono ininterrottamente per quasi 3 mesi.

LIGURIA —–> REPORTER 24

BASSO PIEMONTE —-> REPORTER 24 CN

CANALE TELEGRAM —–> METEO REPORTER 24